Benvenuto

Cammino di Formazione 2015-2016

I giovani cercano felicità e bellezza. Il Vangelo delle beatitudini li sfida a desideri grandi.

BEATI NOI... Cammino nelle beatitudini per giovanissimi e giovani. 

Sull'invito di Papa Francesco e della Pastorale Giovanile della nostra diocesi in preparazione alla Giornata Mondiale della Gioventù 2016 a Cracovia, durante questo anno intraprenderemo un cammino sulle beatitudini del Vangelo coi ragazzi delle superiori e coi giovani.

“Beati” vuol dire “felici”. È bello che Gesù ci parli della felicità Vera, non di quella illusoria che spesso ci abbaglia e ci tenta ma che poi svanisce lasciandoci l’amarezza della solitudine, il vuoto del fallimento, il peso della colpa. Gesù è venuto per la nostra felicità e felici sono coloro che stanno con lui.

Faremo un itinerario, un cammino nelle beatitudini, un modo per aiutarci a toccare con mano e permettere un'esperienza personale delle beatitudini stesse, intese non come qualcosa che sta chissà dove, ma come una realtà nella quale è possibile respirare, vivere e agire, facendone esperienza per poi testimoniarle a tutti nella concretezza della vita di ogni giorno, là dove ciascuno opera, si incontra col prossimo, fatica e gioisce insieme agli altri.

Vorremmo vivere pienamente l'Anno Santo della Misericordia in cui la Chiesa ci aiuta a contestualizzare con amore la Parola che Gesù ci ha consegnato nelle beatitudini per camminare insieme verso la vera felicità. Anche quando le affermazioni sembrano più paradossali, difficili, cariche di sofferenza e di tensione, nelle beatitudini Gesù mette la felicità e ci insegna attraverso la Parola del Vangelo quale è la strada per raggiungerla veramente.

 

Gesù comunica la via della vita, quella via che Lui stesso percorre, anzi, che Lui stesso è, e la propone come via della vera felicità. In tutta la sua vita, dalla nascita nella grotta di Betlemme fino alla morte in croce e alla risurrezione, Gesù ha incarnato le Beatitudini. Tutte le promesse del Regno di Dio si sono compiute in Lui. (papa Francesco, Messaggio Giornata mondiale della gioventù 2014, n. 1)

 

Le beatitudini dipingono il volto di Gesù Cristo e ne descrivono la carità; esse esprimono la vocazione dei fedeli associati alla gloria della sua passione e della sua risurrezione; illuminano le azioni e le disposizioni caratteristiche della vita cristiana; sono le promesse paradossali che, nelle tribolazioni, sorreggono la speranza; annunziano le benedizioni e le ricompense già oscuramente anticipate ai discepoli; sono inaugurate nella vita della Vergine Maria e di tutti i santi. (Catechismo della Chiesa Cattolica 1717)

 

 

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. 

Continuando a navigare o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se li vuoi disabilitare o saperne di più clicca sul bottone 'informazioni'